AltamuraToday

Ospedale della Murgia, reparto di Anatomia patologica. Ventricelli scrive a Gentile

La richiesta del consigliere regionale di Sel all'assessore alla Sanità è di creare una doppia struttura di Anatomia patologica: una più complessa e, in subordine, una semplice a valenza dipartimentale

Il consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, Michele Ventricelli, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta all’assessore alla Sanità Elena Gentile per porre ancora una volta l’attenzione sulla nuova struttura ospedaliera tra Altamura e Gravina.

La richiesta è di porre all’attenzione del tavolo tecnico regionale la possibilità di individuare nella nuova programmazione, tra i servizi del Nuovo Ospedale della Murgia, una struttura complessa di Anatomia patologica (già esistente e disattivata nell’ospedale Umberto I di Altamura) e in subordine una struttura semplice a valenza dipartimentale. “Il comitato tecnico regionale per l’anatomia patologica - spiega il consigliere Ventricelli - sta lavorando alla riorganizzazione delle strutture sul territorio in base alla popolazione servita, al numero dei posti letto e dei carichi di lavoro storicamente svolti”. “Per questo motivo, e in base a questi criteri- conclude-credo che non si potrà non accogliere la mia richiesta, in ragione del territorio e della popolazione che sarà servita dal nuovo Ospedale della Murgia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

Torna su
BariToday è in caricamento