AltamuraToday

Gravina: Ferrari e altre auto di lusso sequestrate ad un boss locale

L'uomo, che risulta al Fisco un pensionato a basso reddito, ha subìto nell'ultimo mese sequestri di beni per oltre 30 milioni di euro. Sarebbe vicino al clan Mangione di Gravina in Puglia

I carabinieri di Altamura hanno sequestrato una Ferrari 599 Gtb Fiorano da 300mila e un'Audi A8 del valore di 120 mila di proprietà del 59enne R. D., di Gravina. L'uomo, che secondo gli inquirenti sarebbe vicino al clan Mangione, per il Fisco risulta essere un pensionato a basso reddito, ma nelle sue disponibilità i militari hanno trovato cinque auto di lusso, tra cui la Ferrari, presa in leasing a 22mila euro al mese, 100 immobili tra ville e appartamenti in tutta Italia, 1,5 milioni di euro in contanti e una cassaforte con gioielli per 40mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

R. D. è attualmente imputato in un processo per associazione mafiosa e usura e i suoi beni sono stati sequestrati su disposizione del Tribunale di Bari in applicazione della normativa antimafia sulle misure di prevenzione patrimoniale.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Barese, ragazzino di 12 anni muore soffocato da una mozzarella

  • Traffico di droga, blitz dei carabinieri nel Barese: smantellata banda, undici arresti

  • Giovane assalita da gruppetto di ragazze per le strade dell'Umbertino: "Erano quindici contro una"

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Incidente sulla Statale 16, moto urta tir e finisce sull'asfalto: centauro travolto da auto e ferito

  • Fiumi di droga nel Barese, il capo gestiva il sistema dal carcere: acquirenti 'attesi' nella palazzina in centro a Mola

Torna su
BariToday è in caricamento