AltamuraToday

Emergenza rifiuti, la Tradeco ha risposto: i dipendenti mettono fine allo sciopero

Revocato lo stato d'agitazione dei netturbini dopo uno sciopero di quattro giorni legato ai ritardi nel versamento degli stipendi e alla richiesta di nuovi mezzi, attrezzature e abbigliamento adeguati

E’ stato domato lo stato d’agitazione nella cittadina murgiana a causa della protesta dei nove dipendenti della Tradeco di Altamura che negli ultimi quattro giorni hanno incrociato le braccia, riducendo il servizio di raccolta dei rifiuti a pochi punti nel centro del paese.

Gli operatori  della Tradeco hanno scioperato per quattro giorni  a causa de ritardo dell’azienda altamurana che gestisce lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani nel versamento degli stipendi. La paga di settembre è arrivata il 2 novembre scorso. E’ quanto fa sapere uno di loro, Leonardo Petrelli anche responsabile sindacale della Cgil; e sottolinea come invece dalla loro, hanno continuato a garantire il servizio minimo in città. Ma la protesta messa in campo dai netturbini non riguarda solo la mancata puntualità nei pagamenti ma anche la richiesta di nuovi mezzi, attrezzature e abbigliamento adeguati allo svolgimento di questo lavoro. 

Il Comune da parte sua ha garantito di essere perfettamente in regola con i pagamenti nei confronti dell’azienda. Nella giornata di ieri i lavoratori si sono recati a Palazzo di Città per chiedere l'aiuto dell'Amministrazione comunale, che con l'assessore Carmelo Briano aveva promesso di sollecitare l'azienda a dare risposta alle lamentele dei nove netturbini. La Tradeco oggi sembra aver dato ampie rassicurazioni ai dipendenti sul versamento delle mensilità mancanti e  sono così riprese le operazioni di raccolta dei rifiuti, che inondano ogni angolo della cittadina.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola esplosi per strada a San Pio: morto pregiudicato 39enne

  • Week-end del 14 e 15 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Agguato a San Pio, indagini a tutto campo per l'omicidio Ranieri: forse faida interna agli Strisciuglio

  • Incidente al San Paolo: auto della polizia finisce fuori strada

  • Non paga il parcheggiatore abusivo al molo San Nicola, ragazza trova l'auto danneggiata: "Ora basta"

  • Immobili, imprese e pizzerie a Santo Spirito e Bitonto: confiscati beni a pregiudicato

Torna su
BariToday è in caricamento